25.11.13

Buchi neri dell'Europa: Kurdistan, nazione fantasma

Quando nel 1998 Abdullah Ocalan, leader del PKK, si rifugiò in Italia, il suo arrivo colse di sorpresa i nostri servizi segreti: “Ehi, dov’è il Kurdistan?”.
E’ una vecchia battuta di Daniele Luttazzi che implicitamente centra la questione di questa nazione fantasma, non riconosciuta, divisa tra Turchia, Siria, Iran e Iraq.
Una controversia che dura almeno dalla fine della Prima Guerra Mondiale, con il dissolvimento dell’antico Impero Ottomano, quando, durante la ripartizione del Medio-Oriente tra Inghilterra, Francia e la ridimensionata Turchia, la comunità internazionale si trovò ad affrontare per la prima volta il problema del nazionalismo curdo. Le proposte furono diverse e tra il 1920 e il 1946 vennero abbozzati alcuni effimeri stati indipendenti, ma alla fine, data anche la ricchezza di risorse della regione (petrolio in primis), nessuna nazione è mai stata disposta a cedere parte dei propri territori a questo popolo di "esuli in patria". Ogni tentativo di indipendenza è fallito, arrivando persino alla negazione dell’esistenza di un’identità nazionale o politica del popolo curdo. 

Questo fino alla guerra in Iraq del 2002, quando finalmente la questione curda è tornata alla ribalta internazionale. Dopo la fine del conflitto, il Kurdistan Iracheno, è diventato a tutti gli effetti una regione autonoma, il primo e unico territorio curdo ad ottenere un simile riconoscimento.
Tralasciando le vicende dei territori al di là del confine iraniano, in una prospettiva europea interessano soprattutto gli sviluppi all'interno della Turchia, la cui candidatura all'ingresso nell'UE è frenata da molti anni proprio dalla questione curda. 
Fra i vincoli posti dall'Unione Europea, infatti, vi sono l’obbligo di riconoscere la libertà religiosa, la protezione delle minoranze, il rispetto dei diritti culturali e sociali, l’eliminazione di atti discriminatori, mentre purtroppo in Turchia, dove i curdi rappresentano circa il 20% della popolazione, l'assenza di normali processi politici e la negazione dell’identità curda, da quasi trent'anni si è risolta in atti di guerriglia da parte curda, seguiti da feroci repressioni a danno della popolazione civile. 
E’ notizia di questi giorni che la Corte europea dei diritti dell'Uomo ha condannato la Turchia per aver ordinato il bombardamento di due villaggi curdi nel 1994, un'azione militare costata la vita a 33 persone e per cui Ankara punta il dito contro il Pkk, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan, tacciato di terrorismo. 

Per favorire il raggiungimento di un riconoscimento dei diritti civili del popolo curdo e arrivare ad una pacificazione, fin dall'inizio dei negoziati per l’ingresso della Turchia all’interno dell’Unione Europea, nel 2004, il Parlamento Europeo ospita ogni anno una conferenza dedicata a “l’Unione Europea, la Turchia e i Curdi”.
Dopo 10 anni di negoziati, oggi gli sforzi dell’Unione Europea sembrano iniziare a dare i propri frutti. Erdogan è riuscito a raggiungere un accordo con il prigioniero Ocalan, che accettando l'armistizio e ordinando il ritiro di 3000 miliziani ha dichiarato: "è tempo di far tacere le armi e lasciar parlare le idee".
In cambio, il governo negli ultimi mesi ha approvato importanti misure di democratizzazione nel quadro del processo di pace avviato con i ribelli del Pkk. 
Fra i provvedimenti proposti figurano la possibilità di studiare in curdo nelle scuole private, il ripristino dei nomi curdi di località del Kurdistan turco, la revoca del bando delle lettere Q, X e W -usate dai curdi- nell'alfabeto turco, l'abbassamento della soglia elettorale dal 10% al 5%. 
Come si capisce, siamo all'ABC della democrazia: diritti che noi possiamo dare per scontati e persino banali, in Turchia rappresentano ancora importanti conquiste e il loro riconoscimento testimonia l’utilità e l’efficacia dell’azione politica europea nel promuovere la “pace e il benessere dei popoli”. 

La strada per la pacificazione della regione oggi è complicata dalla guerra in Siria. Se in principio il sostegno dei curdi siriani ai ribelli fu ben vista dal governo turco, ostile ad Assad, la proclamazione della Regione autonoma del Kurdistan Occidentale nel nord-est della Siria lo scorso luglio, ha portato a una frattura nel fronte degli oppositori ai lealisti di al-Assad e a nuovi conflitti tra i ribelli per il controllo dei territori di etnia curda. Per un conflitto che giunge al termine, uno nuovo ha inizio.