19.10.13

I buchi neri dell'Europa - reprise

Lo scorso anno, prima di chiudere il vecchio blog, stavo scrivendo una "inchiesta" a puntate su quelli che definivo i buchi neri dell'Europa.
Un lavoro rimasto incompleto anche troppo a lungo e che ora intendo portare a termine. Prima però è il caso di riproporre i capitoli precedenti:
L’Europa non soffre certo solo per le beghe della gestione economica dell’Eurozona o per i problemi finanziari di alcuni Stati.
Per una prosperità interna, che riguarda tutti e 28, è necessaria una stabilità esterna.
Nel continente, però, permangono vaste e diffuse “zone d’ombra”, se non veri e propri buchi neri.
Kosovo, Trans-Nistria, Abkazia e Ossezia, Bosnia-Erzegovina, Bielorussia, Kaliningrad, Kurdistan…
Zone militarizzate con etnie contrapposte e mai del tutto pacificate, regimi dittatoriali o militari in cui democrazia e diritti umani non sono garantiti. Mercati d’armi e di droga, avamposti di contrabbando e traffici internazionali. Isole felici per corruzione e criminalità organizzata.
Gran parte dei problemi dell’UE vengono dai suoi confini esterni.
Anche se l’azione diplomatica delle istituzioni europee non si arresta mai, media e cittadini tendono a dimenticarsene.
(da Jump!: "I buchi neri dell'Europa", 13/03/2012)